Fototrappola: cos’è e come usarla per la videosorveglianza

Comment

Consigli tecnici
fototrappola
4.7/5 - (11 votes)

È molto importante garantire la sicurezza in casa o nell’ambiente di lavoro, anche quando si tratta di spazi esterni anche abbastanza ampi. Per risolvere i problemi relativi ad eventuali intrusioni da parte di malintenzionati, si potrebbe optare per dei sistemi utili di videosorveglianza da esterno. Tra questi sistemi, particolarmente interessanti per l’innovazione che riescono ad offrire, c’è quello costituito dalla fototrappola. Vediamo di che cosa si tratta.

Che cos’è e come funziona la fototrappola

Una fototrappola professionale adatta per un’attività di videosorveglianza è un accessorio molto utile, che ha delle peculiarità interessanti che fanno riferimento alle tecnologie moderne. L’obiettivo è quello di garantire il monitoraggio delle aree esterne di un edificio.

Con una fototrappola per la videosorveglianza si possono sottoporre ad attenzione, ad esempio, mezzi o depositi, ma anche zone aperte che presentano delle dimensioni molto ampie.

Si tratta di un apparecchio che si nasconde perfettamente nell’ambiente in cui è inserito, anche per il fatto che è realizzato con precisi colori mimetici. Si può quindi nascondere una fototrappola in mezzo agli alberi o alle piante, evitando che un eventuale malintenzionato si accorga del punto esatto in cui l’accessorio è stato installato.

È importante programmare la fototrappola prima dell’installazione, scegliendo quali caratteristiche dovranno essere impostate, a partire dal formato dei video e passando per l’eventuale spegnimento automatico del sistema.

La tecnologia ad infrarossi e l’utilità

È importante sottolineare che le fototrappole si attivano automaticamente, sfruttando le caratteristiche di un sensore di movimento. Per questo, quando il sensore rileva la presenza di una persona o di un animale, attiva la fototrappola per iniziare le riprese.

Naturalmente questi sistemi mettono a disposizione anche una tecnologia ad infrarossi, per compiere delle riprese notturne.

Si tratta, ad esempio, di metodi di videosorveglianza che sono molto utili per i terreni agricoli o per gli edifici rurali. Nelle aziende agricole, in particolare, sono dei sistemi di videosorveglianza molto utilizzati, anche per il fatto che resistono molto bene agli agenti atmosferici e non vanno connessi ad una rete elettrica, perché hanno delle batterie integrate che ne consentono il funzionamento.

Esistono varie tipologie di fototrappole, come quelle ad infrarossi, quelle con SIM senza fili e quelle flash trail, che hanno delle caratteristiche differenti nel loro meccanismo di funzionamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *