Protezione del terrazzo: meglio le barriere o i sensori?

Comment

Consigli tecnici Sensori

Salve,

mi chiamo Loredana e ti scrivo per avere un buon consiglio da te: per me e i miei familiari è giunto il momento di pensare seriamente all’acquisto di un impianto di antifurto in grado di proteggere l’incolumità nostra e dell’appartamento in cui viviamo ormai da anni; quest’ultimo si trova al quinto piano di una palazzina condominiale situata in una zona periferica di Pisa. In casa sono presenti otto finestre, un vasto terrazzo al quale si può accedere da due porte finestre ma soprattutto dal tetto del palazzo condominiale adiacente, cosa che mi provoca non poca ansia. Capisci bene che la mia preoccupazione più grande è quella di tenere sotto controllo questo terrazzo, così da poter intercettare la presenza di eventuali intrusi prima di ritrovarmeli dentro casa. Detto questo, qual è la tua opinione sui rilevatori a doppia e a tripla protezione? Sono affidabili? Te lo chiedo perché sto pensando di installarli, oltre che lungo i muri dell’abitazione, anche sui limiti del terrazzo, così da poter controllare buona parte del tetto dell’altro palazzo. Ti ringrazio in anticipo per le dritte e l’attenzione che vorrai dedicarmi!

Un saluto e complimenti per il blog e per la tua competenza in materia!

Loredana

Salve Loredana,

Prima di rispondere alle tue domande ti ringrazio per i complimenti, sono molto contento di avere il tuo riscontro positivo! Allora, ti premetto subito che da come me la descrivi la tua è una situazione abbastanza delicata, per cui vedrei molto meglio una sorta di “trappola” anziché un controllo completo del volume del terrazzo. Anche se non hai descritto nel dettaglio la forma e la disposizione del tuo terrazzo, presumo che essendo uno spazio ampio all’aperto, quest’ultimo sia esposto quotidianamente agli agenti atmosferici ed eventualmente anche al via vai di qualche animaletto (gatti, uccelli e così via), per questa ragione non ti consiglio una protezione volumetrica totale, in quanto potrebbe provocare fastidiosi falsi allarmi. Pertanto la via che ti consiglio è quella di installare una barriera in diagonale oppure un rilevatore esterno a tenda, perlomeno a doppia tecnologia, orientato verso la casa, così da proteggerla al meglio.

Qualunque tipologia di installazione deciderai di realizzare, ti suggerisco, almeno per il periodo iniziale, di collegare il sensore soltanto al pre allarme, e di associare al rilevatore o alla barriera una luce che si diffonda sul terrazzo: quest’ultima soluzione può essere molto utile come deterrente per i malintenzionati nel caso in cui si verifichi un’intrusione, poiché la segnalazione luminosa ti permette di controllare dall’interno dell’abitazione cosa sta succedendo fuori in sicurezza, senza dover correre rischi. Infine, durante la fase di installazione, è necessario che tu tenga conto anche dell’eventuale presenza di mobili sul terrazzo, in quanto potrebbero generare la manifestazione di falsi allarmi in caso di forte vento o temporali in grado di far spostare o oscillare gli oggetti.

Spero di aver risposto alle tue domande in modo chiaro ed esaustivo, tienimi aggiornato! Ad ogni modo, per qualsiasi altra domanda o perplessità, mi trovi qui pronto a risponderti ancora. Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *