Telecamere di videosorveglianza: funzionalità e design

Comment

Senza categoria

Quando si sceglie di dotarsi di un sistema per la videosorveglianza per un’abitazione, per una azienda o per un locale commerciale, è importante prestare attenzione anche all’aspetto esteriore, ovvero al design delle telecamere in dotazione all’impianto. Pertanto, quali sono i modelli da scegliere per restare fedeli allo stile dell’edificio, e quindi per non rovinare l’ambiente e per rendere l’aspetto di questi apparecchi tecnologici consono, armonico e adatto all’abitazione che li contiene? In questo contesto, la prima distinzione da fare riguarda l’area, esterna o interna, che ospita le telecamere. Solitamente, le telecamere da esterno sono dotate di un obiettivo a diagramma automatizzato, il cui compito principale è quello di regolare la luminosità a cui viene sottoposto il sensore h 24. Ovviamente, le telecamere di videosorveglianza da esterno necessitano di una custodia protettiva esterna per contrastare il logorio dovuto alle intemperie, alle condizioni atmosferiche, alle polveri sottili portate dal vento, alla forte umidità e alle eventuali manomissioni da parte di ospiti ladri, vandali e malviventi. In tutti i casi, al di là dell’ambiente, le telecamere di rete per la videosorveglianza si suddividono in diverse categorie: fisse, a cupola fissa, PTZ, Dome PTZ. Ognuna di queste telecamere possiede uno specifico design:

Telecamere fisse: tali apparecchi sono dotate di un obiettivo fisso o varifocale che si può agevolmente sostituire; sono l’ideale per zone ben visibili e si possono montare in custodie sia per interno che per esterno.

Telecamere a cupola fissa: questi dispositivi sono modelli preinstallati all’interno di una custodia dalla forma a cupola; si possono orientare in qualunque direzione, e grazie al design resistente e discreto, rappresentano la soluzione perfetta per le riprese particolareggiate, per esempio sugli autobus o sui treni, sui muri o sui soffitti. Risultano assai compatte per contrastare i tentativi di danneggiamento. Tra gli svantaggi, vi è il fatto che non sono dotate di obiettivo intercambiabile.

Telecamere dal design ultra piatto: si tratta di dispositivi ideali per videosorvegliare ambienti in maniera discreta, come solitamente accade per i locali commerciali, i corridoi e le reception degli alberghi, poiché occupano poco spazio e sono molto flessibili.

Telecamere Dome PTZ: parliamo di apparecchi capaci di effettuare rotazioni, inclinazioni, zoom, di ridurre le aree inquadrate in maniera automatica e di coprire un ambiente molto ampio per via della sua possibilità di rotazione completa a 360 gradi e di inclinazione a 180 gradi. I comandi PTZ vengono trasmetti attraverso un cavo di rete per l’invio dei video. Queste telecamere hanno un design perfetto per i controsoffitti, le pareti, i pali e le ronde di ispezione. In tale ambito, basta riflettere sul fatto che servono 10 telecamere di rete fissa per coprire un’area in cui basterebbe un’unica telecamera Dome PTZ per avere lo stesso risultato grazie a tutte le funzionalità che vi abbiamo appena elencato ed al suo speciale zoom compreso tra 10 x e 35 x.

Concludendo, non mancano di certo altre tipologie di design ancor più creative e adatte ad ogni specifica esigenza estetica degli utenti: ad esempio, molto fantasiose e caratteristiche sono le micro telecamere oppure quelle a forma di lampioncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *