Come scegliere un sistema di videosorveglianza

Comment

Consigli tecnici

Gli impianti di videosorveglianza stanno assumendo un ruolo sempre più importante, in particolar modo quando le installazioni vengono fatte in negozi e attività commerciali. Il controllo con telecamere tutela attivamente da furti e vandalismi, ma rappresenta anche un potente deterrente.

Grazie alle evoluzioni nel campo della videosorveglianza, oggi le telecamere digitali possono essere controllate anche a distanza, per riuscirci è sufficiente un protocollo IP  e una connessione a internet.

I modelli analogici stanno pian piano lasciando il posto a quelli digitali; la tecnologia analogica, anche se più economica, offre una risoluzione più limitata e infrastrutture costose, mentre le telecamere IP utilizzano la rete e prevedono registrazione e gestione più semplici.

Un altro vantaggio della tecnologia digitale è la possibilità di essere alimentate con lo stesso cavo che trasporta il video, mentre con le analogiche si ha per forza bisogno di un alimentatore.

Composizione di un sistema di videosorveglianza

Il cuore del sistema è il videoregistratore digitale, anche detto DVR o NVR, a lui si connettono tutte le telecamere e la registrazione delle immagini avviene su un hard disk. A seconda del modello di DVR la registrazione può avvenire in broadcast ad alta risoluzione o in full hd con 25/30 fotogrammi al secondo. Il centro di controllo è determinato dal software di gestione.

Altri componenti fondamentali sono le telecamere; le telecamere digitali hanno un indirizzo IP, grazie al quale si connettono ai server per la registrazione e possono essere raggiunte da remoto da pc, tablet e smartphone. La presenza di internet rende possibile anche un sistema di alert che, attraverso email o sms, vi avvisa in caso di intrusione nell’area controllata.

Ricapitolando, un sistema di videosorveglianza prevede un “cuore” al quale arrivano i flussi video delle telecamere, gestiti, registrati e analizzati in tempo reale, questo avviene o attraverso DVR o con un software di videosorveglianza, installato su un server – si consiglia l’uso dei software quando i sistemi di sorveglianza sono particolarmente complessi.

I moderni sistemi permettono anche di decidere se registrare in maniera continua o a intervalli, in quest’ultimo caso si necessita di telecamere motion detection, prodotti che si azionano solo quando rilevano un movimento all’interno dell’area sottoposta al loro controllo. Grazie a questa tecnica si riduce il volume dello spazio occupato dalla registrazione e si rende più semplice il controllo delle immagini acquisite nel caso ci siano furti, aggressioni, intrusioni.

Per chi non necessita di un gran numero di telecamere, può essere utile un NAS – dispositivo di memorizzazione condiviso in rete – per registrare e analizzare le immagini; l’alternativa è quella di dotarsi di telecamere IP, che riescono a fare tutto in maniera autonoma, in quanto ogni dispositivo ha un processore e un software integrato che si occupa dell’elaborazione video, del dialogo con la rete e della registrazione.

Come scegliere la risoluzione delle telecamere

La risoluzione è un parametro importantissimo dal quale dipende la qualità delle immagini e, quindi, l’affidabilità dell’intero sistema di videosorveglianza. Grazie alla risoluzione è possibile stabilire il livello di dettaglio che avranno le immagini, ma attenzione molto dipende dalle caratteristiche dell’area da sorvegliare e dalle distanze.

Anche l’obiettivo riveste un ruolo determinante: si può parlare di grandangolo o di teleobiettivo, a seconda delle esigenze di sicurezza. Ci sono, poi, anche modelli evoluti che dispongono di ottiche intercambiabili.

Essenziale anche la questione “giorno/notte”, “interno/esterno”, capire quali sono le necessità può indirizzare verso l’acquisto di alcuni prodotti piuttosto che altri – modelli resistenti agli agenti esterni, sensibili ai raggi infrarossi, invisibili ad occhio nudo, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *