Consumo di un sistema antifurto

Comment

Consigli tecnici

Ciao,

grazie per il tuo blog e per la professionalità che dimostri! Detto questo arrivo al punto. Ho un sistema antifurto piuttosto articolato, composto da una centrale d’allarme, un espansore, un trasmettitore telefonico, 5 tastiere di programmazione, tredici sensori di movimento e venti barriere installate su finestre e porte finestre.

Ho controllato il consumo all’ora ed è pari a circa 70 watt, contando che il sistema è acceso 24 ore su 24 e 365 giorni l’anno, diciamo che la spesa è ingente.

Vorrei sapere da te se, quando sono a casa, posso spegnere il sistema…non è che così facendo si danneggia o si danneggiano le batterie dei sensori?

Mille grazie

Fabio

Ciao Fabio,

grazie per i complimenti e per l’interesse che dimostri per questo mio blog! Andando al punto, posso dirti che lasciare un impianto d’allarme senza alimentazione, anche se solo per qualche ora, non è mai consigliato – sono le stesse case produttrici a sottolinearlo. Vediamo insieme perché!

Innanzitutto, l’alimentazione è necessaria a far funzionare il circuito anti-manomissione che, altrimenti risulta totalmente inutile; poi perché togliendo l’alimentazione le sirene si azionano ed infine il problema batterie che senza alimentazione continuano a funzionare, ma una volta ricollegata l’alimentazione hanno bisogno di ricaricarsi.

Tra l’altro non penso che nel computo totale, staccare l’impianto per poche ore al giorno, faccia per te una gran differenza…

Ovviamente non ti ho esposto tutte le problematiche, ma solo le principali che, in ogni caso, dovrebbero essere sufficienti a farti desistere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *