Costi dei sistemi di sicurezza

Comment

Senza categoria

La crescita progressiva in campo tecnologico ha preparato le fondamenta per una grande diffusione di sistemi di sicurezza: tali impianti, da un oltre decennio a questa parte, stanno facendo passi da gigante nel settore, sia per quanto riguarda la qualità che l’equilibrio tra prezzo ed efficacia, conquistando un ruolo sempre più importante nel settore dei dispositivi per la sicurezza. Sono certamente numerosi, infatti, i cittadini che decidono di proteggere in tutto e per tutto la propria casa, o ancora un locale commerciale, un ufficio, un negozio o una azienda grazie all’installazione di sistemi di allarme. Progettare un impianto di questo tipo per la propria casa non è una cosa né scontata né tantomeno banale, in quanto è fondamentale avere le idee chiare e far intervenire tecnici specializzati che realizzino un sopralluogo, che si muovano nella vostra abitazione per identificare tutte le zone vulnerabili, i varchi di ingresso come le porte e le finestre, e ancora i punti d’accesso verso il giardino, il cortile, il balcone e così via.

In questo contesto risulta fondamentale rilevare tutte le peculiarità e fattezze anche dell’ambiente intorno alla struttura da allarmare, ad esempio se si abita in un’area appartata, se si verifica molto traffico sulle vie confinanti, se esiste la probabilità che qualcheduno interceda nel caso in cui parta la sirena acustica del sistema di allarme. Le caratteristiche e le funzionalità dei sistemi di sicurezza, ovviamente, determinano i anche i costi per l’utente: in questo caso, però, risulta quasi impossibile specificare a priori una cifra adatta all’acquisto di un impianto di antifurto, in quanto le variabili da vagliare caso per caso sono davvero tantissime; inoltre le aziende produttrici sono numerose, le funzioni pure e non sempre gli impianti di allarme sono costituiti dagli stessi dispositivi. Certamente esistono componenti che non possono mancare in alcun sistema di allarme, come la centrale, la sirena, i sensori ed il combinatore telefonico, ma questo comunque non ci consente di fare delle stime minuziose e valide per tutti.

Una centrale d’allarme, generalmente, è il dispositivo più costoso di un impianto, sia che si tratti di grandi firme che di marchi meno noti. Il loro costo cambia a seconda della presenza o meno del combinatore telefonico, della funzione di attivazione e di disattivazione e della possibile connessione alla rete Internet. Anche i sensori volumetrici pesano non poco sul prezzo di un sistema di antifurto: in tal caso il costo sale per i sensori che sfruttano la doppia e la tripla tecnologia, in quanto la loro sicurezza e funzionalità sono più elevate rispetto a quelli caratterizzati da una sola tecnologia. Ad gravare meno sul costo di un sistema d’allarme sono i contatti magnetici, ovvero delle coppie di sensori da apporre sui serramenti che costano intorno ai 20 euro. Infine una sirena d’antifurto per ambiente esterno ha un prezzo di circa 150 euro: si tratta di un apparecchio molto importante, in special modo per la sua funzione deterrente. Una menzione a parte deve essere fatta per la videosorveglianza, in quanto non si tratta di un qualcosa di indispensabile, ma è utilissima per chi ha necessità di sicurezza particolari o vuole controllare a 360 gradi realtà importanti; ovviamente un impianto per la videosorveglianza fa lievitare i costi dell’intero sistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *