DVR di videosorveglianza: caratteristiche e compatibilità

Comment

Senza categoria

Nell’ambito della videosorveglianza, il videoregistratore digitale Digital Video Recorder (DVR) rappresenta uno dei dispositivi più importanti all’interno di un impianto, poiché il suo compito è quello di comprimere i video in formato digitale per poi immagazzinarli all’interno di un hard disk. Parliamo di un apparecchio che per molti aspetti può essere accomunato ai vecchi registratori VHS (ovvero Video Home System), caratterizzati da un sistema standard per registrare i video, il tutto in modalità analogica su supporto meccanico. Tali apparecchi, in passato erano notevolmente diffusi in tutte le case (basta pensare alle vecchie videocassette in VHS). La differenza fondamentale tra il Video Home System e il Digital Video Recorder sta nei moderni apparecchi che consentono di filtrare le immagini originate dalle telecamere alle quali sono collegati, e di memorizzarle all’interno dell’hard disk presente. Il funzionamento del Digital Video Recorder si basa principalmente sull’operato di un software che semplifica la fase di monitoraggio, ed implementano gli impianti di videosorveglianza.

Fra le funzionalità più importanti dei Digital Video Recorder, vi è quella denominata Motion Detector (ossia “rilevazione di movimento”), che consente di registrare soltanto quello che ci interessa, estromettendo le immagini superflue. Questa funzione permette inoltre di captare il movimento di un individuo o di un oggetto nella scena inquadrata. La Motion Detector del DVR, generalmente, è implementata negli impianti di videosorveglianza, può essere di livelli di sensibilità differenti ed è molto utile per esaminare i filmati generati dalle telecamere ed avere tutto sotto controllo. Tale funzione si può impostare direttamente dal Digital Video Recorder usando degli appositi parametri di configurazione, grazie ai quali si predispone il dispositivo per registrare solo se si verificano dei movimenti all’interno della scena del video.

Per quanto riguarda i vantaggi resi dalla Motion Detector, è da annoverare la riduzione del tempo necessario per visualizzare le immagini registrate (in quanto si andranno ad analizzare soltanto quelle che realmente ci interessano) e la diminuzione dello spazio utilizzato all’interno dell’hard disk. Risulta ovvio che in questo modo si risparmia moltissimo in termini di tempo (non ci sarebbe questo tipo di risparmio neanche scorrendo le immagini in maniera accelerata). La funzione Motion Detector, oltre a garantire all’utente la rilevazione esatta delle immagini in movimento, nei Digital Video Recorder di ultima generazione è in grado anche di capire quali sono le zone in cui individuare i movimenti: tale peculiarità rappresenta un vantaggio molto utile se per esempio in una abitazione vivono animali domestici come cani, gatti e così via, poiché la regolazione si può effettuare per ogni singola camera o area presente in casa, eliminando in tal modo gli inutili falsi allarmi.

Infine, è utile sapere che molti utenti si chiedono se i Digital Video Recorder di videosorveglianza siano tutti compatibili con specifiche tipologie di dispositivi, come ad esempio un MAC Apple, l’iPhone o l’iPad. Ad oggi, grazie allo sviluppo della tecnologia, i problemi di compatibilità sono praticamente inesistenti grazie alle App appositamente dedicate, per cui non si avranno grandi difficoltà nel trovare il DVR più adatto alle proprie specifiche esigenze (il consiglio è di cercare anche online).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *