kit antifurto fai da te: caratteristiche e acquisto on line

2 Replies

Allarme filare Allarme wireless

Nel mondo degli apparecchi per la sicurezza si possono trovare in commercio numerosi tipi di kit antifurto fai da te: parliamo di sistemi di antifurto volti a proteggere la propria abitazione, o ancora una attività commerciale, un ufficio, una villa, un appartamento, un negozio, un garage, un capannone e così via. Questi sistemi di antifurto rappresentano un’ottima soluzione per vivere in una casa sicura e protetta, ma anche se sono in tanti a desiderarli, solo in pochi arrivano realmente all’acquisto. Questi impianti vengono proposti con diverse funzioni in base alle specifiche esigenze della clientela, ma spesso si fa fatica a scegliere di dotarsi di questi kit perché si teme di non avere molta dimestichezza con gli equipaggiamenti fai da te, di non riuscire ad installarli, di non poterli gestire in maniera corretta e continuativa nel tempo o ancora di non poter sostenere i costi per l’acquisto, soprattutto in un momento storico di crisi come quello che stiamo vivendo oggi.

Fortunatamente, però, il mercato in questione evolve continuamente, facendo passi da gigante sia in termini qualitativi che economici. Infatti, in commercio, si possono trovare soluzioni con un buon rapporto qualità prezzo. In questo contesto, come preannunciato sopra, entrano in gioco i kit di antifurto fai da te, facili da gestire ed installabili autonomamente anche per chi non ha conoscenze tecniche ed esperienze nel settore. Si tratta di sistemi caratterizzati da un numero minimo di elementi essenziali: la centrale, i sensori volumetrici e perimetrali, la sirena e il telecomando per l’attivazione e la disattivazione dell’impianto.

Ricapitolando, questi sistemi comprendono tutto il necessario per una buona protezione per l’edificio che si intende porre sotto sorveglianza, e non c’è bisogno di essere dei professionisti per installarli in modo corretto. Come specificato sopra, un kit antifurto base è costituito da una centrale, da uno o più dispositivi per l’attivazione e la disattivazione del sistema, da una sirena e da due sensori. In più, alcuni impianti di antifurto comprendono anche un combinatore telefonico e le telecamere IP.

Ovviamente, altri apparecchi si possono acquistare separatamente per poi istallarli anche nel corso del tempo, in base alle eventuali maggiori necessità di sicurezza. I Kit di antifurto fai da te, generalmente, sono sistemi via radio che non hanno bisogno di né cablatura né di apportare in casa opere di muratura, si applicano grazie a degli adesivi o a delle piccole viti e possono giungere a casa del cliente già pre-configurati.

Per quanto riguarda l’aspetto economico, questi kit si possono trovare sui siti internet specializzati a prezzi davvero vantaggiosi, anche se è importante fare attenzione al fatto che vengano assicurate al cliente la garanzia di affidabilità, la certificazione CE e l’assistenza post vendita da parte dell’azienda che li produce e propone sul mercato. La cosa davvero importante è individuare il giusto rapporto tra la qualità ed il prezzo, focalizzando il più possibile l’attenzione sulle proprie esigenze di sicurezza e sulle imprescindibili certificazioni e garanzie del prodotto.

2 comments

  1. luca

    Secondo voi combinatore e telecamere sono necessarie o un sistema base può bastare per proteggere un appartamento in condominio?

  2. massimo

    Dipende da quello che devi proteggere in casa a da quanto ci vuoi spendere, poi per il condominio credo tu debba fare dei passaggi in più per la privacy se vuoi mettere delle telecamere..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *