Truffe agli anziani: come difendersi

Comment

Furti
truffe agli anziani

Le truffe agli anziani sono frequenti. L’obiettivo dei malintenzionati è quello di derubarli. Infatti spesso i ladri si presentano alla porta come falsi tecnici o adottano scuse differenti per entrare nella casa di persone che sono anziane e che vivono sole. A volte si presentano come falsi dipendenti o come amici dei figli e approfittano della buona fede per portare via soldi e oggetti di valore. Gli anziani vittime delle truffe si ritrovano quindi a subire molto spesso dei forti danni economici e subiscono anche il trauma psicologico dovuto all’invasione dello spazio personale. Altre volte sperimentano sensi di colpa. Ma come fare a difendersi dalle truffe agli anziani? Ti diamo alcuni consigli utili a questo proposito.

Come fare prevenzione sulle truffe agli anziani

L’elemento fondamentale è riuscire a prestare molta attenzione, diffidando di chi suona alla porta presentandosi come un tecnico, senza avere un appuntamento. D’altronde dobbiamo pensare che le aziende dei servizi, come il telefono e il gas, non mandano mai loro dipendenti senza prima fare una telefonata.

È importante non aprire la porta a chi si presenta per fare controlli dei documenti o a chi annuncia dei rimborsi. Inoltre potrebbe essere molto utile adottare un sistema di allarme specifico per gli anziani con cartelli dissuasori da affiggere all’esterno e pulsante SOS portatile.

I cartelli dissuasori segnalano la presenza di un sistema di allarme, come per esempio un impianto di videosorveglianza o un sistema collegato alla centrale operativa. Agiscono come deterrenti nei confronti dei malintenzionati.

Il pulsante SOS portatile agisce come un salvavita. Basta indossarlo come se fosse un ciondolo o tenerlo in tasca, per premerlo e richiedere un intervento tempestivo quando si è in pericolo.

Le più comuni truffe agli anziani

Ti descriviamo quali sono anche le più comuni truffe agli anziani per poterti difendere al meglio. Un esempio è costituito dalla truffa del pacco. Un falso corriere bussa alla porta dell’anziano, consegna un pacco per conto del figlio o del nipote della persona e gli chiede di pagare una cifra come 2.000 o 3.000 euro.

Altre volte i truffatori si presentano come dipendenti dell’INPS, dell’Enel o della compagnia telefonica e chiedono di fare dei controlli. L’anziano li fa entrare e viene derubato anche usando la forza.

Altre volte si presentano dei tecnici, inventando una scusa come un grave problema da risolvere per esempio con il gas. I truffatori invitano le vittime a proteggere il loro denaro o i loro oggetti preziosi collocandoli in un sacchetto dentro il congelatore. Poi, mentre uno dei truffatori distrae la vittima, l’altro recupera gli averi per poi scappare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *