Come prevenire i segni di effrazione

Comment

Furti
segni di effrazione

I segni di effrazione che possiamo trovare nella nostra abitazione, in particolare in presenza di porte e finestre, indicano che c’è stata un’intrusione in casa o che c’è stato un tentativo di furto. Si tratta comunque di un’esperienza spiacevole, perché non dobbiamo considerare soltanto la perdita di oggetti di valore o di denaro. Ci sono anche delle poco gradite conseguenze psicologiche, perché finiamo col non sentire la nostra casa più come un luogo sicuro all’interno del quale sentirci protetti. Quindi conviene veramente fare di tutto e adottare tutte quelle soluzioni che sono a nostra disposizione, per prevenire i segni di effrazione e quindi i tentativi di intrusione nella nostra casa.

L’installazione di un antifurto

Sicuramente come metodo più sicuro per prevenire ed evitare quindi l’intrusione in casa consigliamo l’acquisto e l’installazione di un completo sistema di sicurezza. Oggi in commercio abbiamo a disposizione diverse tipologie di antifurto che sono dotate di tutte le tecnologie più innovative per riuscire ad evitare spiacevoli intrusioni in casa da parte di malintenzionati.

Volendo riassumere, possiamo dividere i principali sistemi di sicurezza per la casa in due categorie. Si tratta degli antifurto cablati e di quelli senza fili. I primi garantiscono una grande efficienza, al pari dei sistemi wireless. Per installarli di solito si deve ricorrere anche a dei lavori di muratura. I secondi, invece, sono più facili da installare, visto che non comportano il passaggio di cavi.

I cartelli dissuasori e il rilevamento preventivo

Come azione fondamentale per evitare che i ladri entrino in casa o lascino dei segni di effrazione in prossimità di porte e finestre si deve partire dalla dissuasione. Ecco perché può essere utile integrare l’antifurto con un adeguato sistema di videosorveglianza.

Di solito la presenza di telecamere segnalata dall’apposita affissione di cartelli dissuasori agisce come deterrente, spingendo i malintenzionati a non introdursi in casa e ad abbandonare quindi le loro intenzioni.

Inoltre consigliamo di applicare dei sensori, come per esempio quelli specifici per porte e finestre o i sensori perimetrali, che proteggono gli spazi come i terrazzi e i giardini. Non appena viene rilevato un movimento anomalo, i sensori sono in grado anche di scattare delle foto per identificare il ladro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *