Come riprendersi dopo un furto in casa

Comment

Furti
come riprendersi dopo un furto in casa

Subire un furto in casa può essere davvero un trauma, di cui si soffre dopo soprattutto per gli effetti psicologici che si subiscono. Gli esperti parlano di disturbo post traumatico da stress, che spesso si può presentare in chi subisce un furto con sintomi caratteristici. Tutto dipende anche dalla personalità, ma spesso dopo aver subito un furto si possono provare sensazioni di forte ansia, di angoscia, incubi notturni e volontà di controllare ossessivamente se si siano chiuse porte e finestre. Se queste sensazioni durano a lungo, sarebbe meglio rivolgersi ad uno psicologo.

Le fasi emotive che si alternano dopo aver subito un furto

Il furto è appunto un evento traumatico, che può determinare varie fasi che si alternano a livello psicologico. Dapprima il soggetto che ha subito il furto può presentarsi incredulo, vivendo una vera e propria sensazione di shock con incapacità di elaborare quello che è successo.

Poi può subentrare una sensazione di rifiuto, di accettare le preoccupazioni e le emozioni. Si evita anche di parlare dell’argomento. Può subentrare successivamente una sensazione di forte tristezza, che fa emergere in tutto e per tutto il senso di perdita.

Poi si attiva il dolore della perdita, che sconfina a volte anche nella rabbia. La rabbia, se non viene elaborata adeguatamente, può diventare negativa e portare direttamente alla fase della paura, che si manifesta con l’ansia.

Come superare l’esperienza del trauma

Cosa fare per riuscire a superare l’esperienza del furto vissuto come trauma? Come riprendersi dopo un furto in casa? Innanzitutto sarebbe importante chiedere sostegno, se da soli non si riesce a fare nulla. Ci si può rivolgere a degli amici, a dei familiari o se si vivono delle condizioni di sofferenza chiedere aiuto ad uno psicologo.

È molto importante anche cercare di esprimere le emozioni che si provano dando spazio anche a sentimenti negativi. Soltanto così si può reagire alla paura, non permettendo che l’angoscia prenda il controllo della propria vita.

È bene reagire, installando anche sistemi di sicurezza e cercando di prendersi cura della casa e di se stessi. In ogni caso si dovrebbe cercare di tornare alla routine il prima possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *